Banca Marche utilizza Cookie (propri e di altri siti) per offrire una migliore esperienza di navigazione e per finalità commerciali. Una volta continuata la navigazione sul sito, se ne autorizza l’invio e l’uso. Per saperne di più o negarne il consenso clicca qui.

Settore Agevolazioni

In attesa di prossimi aggiornamenti.
Agevolazioni alle attività produttive, turistiche, commerciali e di servizi nelle aree depresse del paese.

Banca Marche, a seguito della incorporazione del Mediocredito Fondiario Centroitalia, è una delle Banche concessionarie convenzionate con il Ministero delle Attività Produttive per ricevere ed esaminare le richieste di agevolazioni a valere sulla legge 488/92, che prevede benefici per imprese industriali, artigiane, turistiche e commerciali.

Banca Marche sta seguendo le imprese agevolate con i vari bandi sinora emanati dal Ministero dello Sviluppo Economico.

Non appena possibile il sito sarà aggiornato con tutte le novità operative e normative.
Bando pubblicato sul BUR n. 103 del 05/11/2009 per la concessione di contributi in conto interessi alle imprese turistiche marchigiane (decreto regionale n. 381 del 23/10/2009)

La Regione Marche, in attuazione all’articolo 71 della Legge Regionale 11 luglio 2006, n. 9 e nell'ambito degli indirizzi programmatici regionali, intende favorire e sostenere gli interventi di riqualificazione delle strutture ricettive operanti sul territorio regionale, impegnando le risorse disponibili in bilancio per la riqualificazione dell'offerta turistica regionale.

Banca Marche è una delle due Banche convenzionata con la Regione Marche per l'istruttoria e la gestione delle domande per la concessione di contributi in conto interessi alle imprese turistiche marchigiane, nonché per la concessione del relativo finanziamento.

La Regione concede un contributo “una tantum” pari al concorso sugli interessi nella misura di tre punti percentuali. La misura del contributo può variare annualmente in relazione all’andamento del mercato finanziario.

La durata massima del mutuo ai fini del calcolo dei contributi è fissata in dieci anni per i mutui ipotecari e in sette per quelli chirografari.

Le ditte beneficiarie possono contrarre finanziamenti di durata e di importo superiori ai limiti previsti al punto precedente, fermo restando che il contributo sarà riconosciuto solo per la durata e gli importi massimi fissati dal presente bando.

Il bando è attualmente chiuso